Attualità Speciali

San Valentino, il Santo degli innamorati

San Valentino, il Santo degli innamorati

L’originale festività religiosa di San Valentino prende il nome dal santo e martire cristiano Valentino da Terni, venne istituita nel 496 da papa Gelasio I e sostituì la precedente festa pagana dei lupercalia, probabilmente con lo scopo di cristianizzare la festività romana pagana per farla scomparire.

I Benedettini furono affidatari della Basilica di San Valentino a Terni dalla fine della seconda metà del VII secolo e, attraverso i monasteri, contribuirono alla sua diffusione specialmente in Francia ed Inghilterra. Nei giorni intorno alla metà di febbraio (15 febbraio), nell’Antica Roma venivano celebrati i Lupercalia, feste arcaiche legate al ciclo della morte e della rinascita della natura, alla distruzione dell’ordine per permettere al mondo di purificarsi e rinascere.

Le feste erano accompagnate da vari rituali, mascherate, cortei, i servi prendevano il posto dei padroni e viceversa (il Carnevale), rimettendo in atto il caos primigenio. I rituali legati alla fertilità vedevano le donne di Roma sottoposte, in mezzo alle strade, a dei colpi di frusta da parte di gruppi di giovani uomini nudi, armati di fascine. La sessualità libera era impersonata dal dio agreste Fauno-Luperco, gli uomini davano frustate alle donne per dare la loro benedizione e propiziare la fertilità. Venivano estratti casualmente i nomi dei partner con i quali unirsi per compiacere il dio della fertilità. Questi riti vennero banditi dai papi cristiani.

Papa Gelasio I istituì così una festività dedicata all’amore privo di riferimenti espliciti alla sessualità, associandola alla protezione del Santo Valentino. È conosciuta la leggenda secondo cui il santo avrebbe donato ad una fanciulla povera una somma di denaro che era necessaria come dote per il suo sposalizio. Senza la dote non si sarebbe potuto celebrare il matrimonio e la ragazza, priva di mezzi e di altro sostegno era in rischio di perdizione. Secondo la tradizione il Santo Vescovo Valentino è considerato come il protettore degli innamorati. San Valentino era Vescovo e Patrono della città di Terni e venne decapitato nel 273 a Roma, all’epoca della persecuzione dell’imperatore Aureliano.

LEGGENDE
Ci sono poche informazioni legate alla sua vita, si diceva che fosse un
taumaturgo capace di compiere miracoli. Per questo motivo venne chiamato a Roma dal filosofo Cratone per far guarire il figlio affetto da una malattia che ne limitava la mobilità, così San Valentino promise la guarigione per lui e tutta la famiglia se si fosse convertita. Una delle leggende legate a Valentino narra che fu il primo religioso che celebrò l’unione fra un legionario pagano e una giovane cristiana, e per questo sarebbe stato giustiziato.

san valentino il santo degli innamorati

Chiesa di San Valentino di Terni
A Terni le spoglie del Santo Vescovo Valentino, Patrono della città sono custodite in una statua d’argento posta in una teca di cristallo sotto l’altare maggiore della Basilica
SAN VALENTINO PATRONO DELL’AMORE

PERCHE’ REGALARE BIGLIETTINI, ROSE E CIOCCOLATINI?
Probabilmente l’usanza di regalare o acquistare bigliettini, rose e cioccolatini, è legata ad altre storie e leggende legate a San Valentino.
Una leggenda di origine europea racconta che Valentino si fosse innamorato della figlia del suo carceriere, una ragazza cieca a cui lui restituì la vista. Sapendo che sarebbe morto scrisse alla giovane un biglietto in cui le diceva addio prima della decapitazione firmandosi “il vostro Valentino”.

Un’altra leggenda racconta che San Valentino sentì due giovani fidanzati litigare e che per portare la pace, raccolse una rosa dal suo giardino e la regalò alla coppia. Rimase con loro a pregare perché Dio facesse durare per sempre il loro amore.

In passato il cioccolato e quindi i cioccolatini erano un alimento raro, molto costoso, cui si attribuivano grandi poteri magici e quindi un dono davvero prezioso.

di Natascia e Romina Malizia

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: